Cerco il “miglior psicoteapeuta di Torino”: ho bisogno di aiuto psicologico

Quasi tutti, ad un certo punto della loro vita, hanno bisogno di aiuto psicologico, in quanto non sono in grado di risolvere i problemi che li travolgono da soli.

In queste circostanze, è necessario richiedere un aiuto specializzato. Se vivi in una città come Torino, con migliaia di professionisti, trovare lo psicoterapeuta migliore a Torino per le tue esigenze può essere un’ avventura.

Nelle prossime righe cercheremo di aiutarvi in questo processo.

Aiuto psicologico.

Per tutta la vita, una moltitudine di circostanze nascono e creano problemi emotivi per noi, alterano il nostro equilibrio mentale, affrontare le persone intorno a noi e, in ultima analisi, creare un alto grado di ansia o disagio psicologico.

In queste situazioni, che purtroppo sono più frequenti di quanto non vorremmo, possiamo porci le seguenti domande: ho bisogno di aiuto psicologico? Devo rivolgermi a un professionista? Ho bisogno di uno psicologo per aiutarmi ad affrontare questi problemi?

Prima di rispondere a queste domande, dobbiamo accettare che abbiamo un problema. A volte, qualcosa che per tutti coloro che ci circondano è evidente, per noi stessi, è più difficile da vedere. Questo perché la nostra percezione della situazione problematica è sbagliata. Si potrebbe dire che, in una situazione spiacevole, abbiamo messo gli occhi bendati e non vediamo ciò che non vogliamo vedere.

La nostra percezione della realtà può essere alterata da diversi meccanismi di difesa. I meccanismi di difesa sono strategie psicologiche inconsce che mettiamo in gioco per affrontare la realtà, a volte per negarla, ammorbidirla o mascherarla, per non accettare un fatto per noi doloroso.

Alcune persone di fronte a una rottura traumatica rifiutano di accettare la perdita del loro partner negando la realtà (meccanismo di negazione) e vivono nella convinzione che torneranno in qualsiasi momento. In altre occasioni si tratta di meccanismi di spostamento, razionalizzazione, sublimazione, ecc.
Non ho problemi con questo.

La conseguenza finale è che questi meccanismi non ci permettono di vedere e accettare un problema che è evidente a tutti gli altri. Col passare del tempo, da soli o con l’ aiuto dei nostri parenti più stretti, accetteremo di avere un grave problema emotivo.

Sembra ovvio che a questo punto, la cosa più logica da fare sarebbe andare da un professionista, da uno psicologo che ci possa aiutare. Purtroppo, però, non sempre abbiamo il massimo senso e cerchiamo scappatoie piuttosto che affrontare la realtà:

“Sono sicuro che con il tempo si risolverà…”.

“Posso farlo da solo”.

Queste sono alcune delle scuse che spesso facciamo che ci possono farci sviare dal cercare aiuto professionale.
Segnali di allarme.

Quali segnali di avvertimento, tuttavia, dovrei prendere in considerazione nel decidere se cercare uno psicologo? Questi segnali di allarme possono essere molto vari:

La perdita di controllo è un segnale importante per ripensare. Se in qualsiasi momento non riesci a controllare le tue emozioni (aggressività, tristezza) o gli impulsi (non puoi smettere di mangiare, sei diventato dipendente dall’ uso di sostanze tossiche o dal gioco d’ azzardo o dallo shopping compulsivo) dovresti seriamente prendere in considerazione la possibilità di chiedere aiuto.
A volte possono essere tratti caratteristici come la timidezza. Questi tratti possono essere accentuati in una fobia sociale che limita la tua vita e le tue attività.
Sintomi somatici non giustificati da patologie organiche: mal di testa, palpitazioni, sudorazione pesante, diarrea, respiro corto, oppressione pre-cordiale, ipertensione, ecc.
Improvvisi e frequenti sbalzi d’ umore in una persona che normalmente aveva un comportamento stabile.
I disturbi del sonno, come l’ insonnia, sono un sintomo costante in molti disturbi dell’ umore, che ci può avvertire di un problema latente.
Dicono che la vita supera sempre la più grande finzione, e purtroppo è così ed in molte occasioni ci troviamo di fronte a situazioni tragiche e inaspettate, che ci superano completamente senza saper reagire.
Ci sono momenti in cui si sente che la vita non ha alcun significato, che si è perso l’ illusione, che si sente vuoto, senza gioia, senza il desiderio di vivere. Possono essere momenti occasionali o l’ inizio di una profonda depressione.
Stati di stress, ansia o angoscia che persistono nel tempo e non sembrano risolti.

Consultare lo specialista.

Segnali di allarme.

Quali segnali di avvertimento, tuttavia, dovrei prendere in considerazione nel decidere se cercare uno psicologo? Questi segnali di allarme possono essere molto vari:

La perdita di controllo è un segnale importante per ripensare. Se in qualsiasi momento non riesci a controllare le tue emozioni (aggressività, tristezza) o gli impulsi (non puoi smettere di mangiare, sei diventato dipendente dall’ uso di sostanze tossiche o dal gioco d’ azzardo o dallo shopping compulsivo) dovresti seriamente prendere in considerazione la possibilità di chiedere aiuto.

A volte possono essere tratti caratteristici come la timidezza. Questi tratti possono essere accentuati in una fobia sociale che limita la tua vita e le tue attività.
Sintomi somatici non giustificati da patologie organiche: mal di testa, palpitazioni, sudorazione pesante, diarrea, respiro corto, oppressione pre-cordiale, ipertensione, ecc.
Improvvisi e frequenti sbalzi d’ umore in una persona che normalmente aveva un comportamento stabile.
I disturbi del sonno, come l’ insonnia, sono un sintomo costante in molti disturbi dell’ umore, che ci può avvertire di un problema latente.
Dicono che la vita supera sempre la più grande finzione, e purtroppo è così ed in molte occasioni ci troviamo di fronte a situazioni tragiche e inaspettate, che ci superano completamente senza saper reagire.
Ci sono momenti in cui si sente che la vita non ha alcun significato, che si è perso l’ illusione, che si sente vuoto, senza gioia, senza il desiderio di vivere. Possono essere momenti occasionali o l’ inizio di una profonda depressione.
Stati di stress, ansia o angoscia che persistono nel tempo e non sembrano risolti.

Ci sono molti altri segnali di avvertimento che dovrebbero farti ripensarci e chiederti se sei in grado di resistere a quella tensione o al contrario, è tempo di chiedere aiuto psicologico, di consultare uno psicologo che ci aiuti ad affrontare la situazione in modo corretto.

Come regola generale, potremmo dire che di fronte a questi segnali di avvertimento, dovremo ricorrere all’ aiuto dello psicoterapeuta specialista, quando voi stessi avete già cercato di risolvere i problemi da soli e non siete riusciti a risolverli, e questi problemi stanno cominciando a interferire in modo significativo con la vostra vita professionale, familiare e sociale.

Questo è il momento per voi di chiamare uno psicoterapeuta.

Basta prendere la decisione vi farà sentire sollevati.

Alcuni residenti a Torino che hanno deciso di iniziare una terapia psicologica, concentrare tutti i loro sforzi per trovare lo psicoterapeuta migliore a Torino per prendersi cura del loro trattamento. Penso che sia sensato volere il meglio per se stessi o per i propri cari più vicini, ma questo non è sempre facile.

Purtroppo, la psicologia non è uno sport olimpico o un evento di atletica dove possiamo misurare la velocità, la resistenza o la potenza di un atleta. Se così fosse, avremmo una classifica in base alla riduzione dell’ ansia in ogni consultazione, o al grado di autostima accumulato in un trattamento. Ma in psicologia però quasi nulla è quantificabile e ci muoviamo nel mondo dei sentimenti e delle emozioni.

Ciò che accade all’ interno di una consultazione psicoterapeutica va oltre ciò che possiamo pesare o misurare. Esistono unità per misurare la fiducia? Riesci a soppesare il dolore o la tristezza? Con quali metriche possiamo esprimere empatia o comprensione?

Come scegliere un buon psicoterapeuta?

La psicoterapia è un processo complesso in cui entrano in gioco diversi fattori. Alcuni dipendono dal paziente, altri dal terapeuta e altri dall’ ambiente di pratica.

La ricerca del migliore psicologo può essere diversa per ogni paziente. Alcuni potrebbero preferire un uomo, altri una donna. Possono preferire qualcuno più anziano con un sacco di esperienza o qualcuno più giovane con cui si sentono più vicini. Potete cercare innumerevoli variazioni personali nel vostro terapeuta. Possono anche cercare diverse scuole psicologiche: umanistiche, psicodinamiche, comportamentali, ecc.
Alla ricerca di “miglior psicologo Madrid”.

A questo punto, l’ individuo che cerca uno psicoterapeuta è spesso abbastanza sopraffatto. A meno che non abbiate un familiare o un conoscente che vi raccomanda fortemente ad un terapeuta, è normale per voi andare online e cercare di trovare una soluzione al vostro problema attraverso Google.

Scrivere nel motore di ricerca “Miglior psicoterapeuta a Torino” come afferma la Dott.ssa Luigina Pugno è una delle decisioni prese da molte persone. Naturalmente, il motore di ricerca restituisce migliaia di nomi, cliniche, centri psicologici o consulenze. Il problema inizia ora cercando di selezionare tra tanti dati “il miglior psicologo di Torino”.

Di fronte a questa valanga di dati, ogni paziente deve cercare in base alle proprie caratteristiche personali, lo psicologo che lo ritiene più adatto alle proprie esigenze. Puoi fissare un primo appuntamento, solitamente gratuito, e verificare se soddisfa le tue aspettative.

DOTT.SSA PUGNO LUIGINA

Via Giaglione 7 – 10126 Torino (TO) solo mercoledì pomeriggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *