11 consigli per fare il miglior caffè con le capsule compatibili Nespresso

Amiamo una buona tazza di questa infusione semplice ma, allo stesso tempo, complessa, e pensiamo che valga la pena seguire alcuni consigli di base per gustarlo come merita . Non c’è niente come un buon caffè in ogni momento della giornata tra l’altro oggi velocissimo da fare grazie alle caffettiere che utilizzano le compatibili Nespresso. Ci sono molti modi per preparare un caffè di qualità, a seconda delle usanze di ogni cultura, la macchina del caffè e gusti personali.

È chiaro che avere una buona caffettiera è un primo passo importante e possiamo investire tutto il budget che vogliamo, ma non è l’unica cosa da considerare. In effetti, il nostro paese è pieno di caffetterie afflitte da macchinari professionali dai quali provengono bevande più purgative del caffè. Non lasciare che la stessa cosa ti accada a casa!

1. Compra delle buone capsule compatibili Nespresso

Ci sono diverse varietà di caffè ma il più consumato in il mondo intero sono: Arabica e Robusta . L’arabica contiene meno caffeina e fornisce un caffè più morbido con aromi fruttati. I robusti hanno più corpo, sono un po ‘più amari, concentrano una quantità maggiore di caffeina e sono spesso percepiti come più forti nel sapore. Puoi anche trovare miscele di entrambe le varietà in proporzioni diverse. Nonostante ciò che molti credono ancora, non contiene più caffeina perché sembra essere più “forte”. È semplicemente più amaro perché è mescolato con lo zucchero, che una volta riscaldato viene caramellato e bruciato, distruggendo le qualità del caffè. Sempre, sempre, caffè naturale.

2. Scommetti sui chicchi di caffè

I chicchi di caffè sono una delicata materia prima che inizia a perdere le proprietà più sono elaborate. Ecco perché è conveniente acquistare caffè in grani per la macinazione a domicilio sia con una macchina da caffè automatica o con un macinino che acquistiamo separatamente. Se è manuale, molto meglio, anche se una buona macinino elettrico sarà sempre migliore rispetto all’acquisto di caffè macinato.

Il caffè inizia a rilasciare i suoi aromi dal momento in cui è macinato, perdendo così sapore. Inoltre, il contatto con l’atmosfera, l’aria e la luce ti influenzeranno di più. È un peccato comprare del buon caffè che dopo alcuni giorni avrà perso parte dei suoi aromi e del suo corpo perché era macinato prima del suo tempo.

3. Cerca sempre il caffè più fresco

Non è conveniente solo macinare i fagioli al momento, è anche consigliato acquista il caffè più fresco possibile . Quando è trascorso meno tempo da quando è stato raccolto, essiccato, trasportato e arrostito, molto meglio. Ecco perché è meglio fidarsi dei professionisti che sono davvero specialisti, che trattano il caffè che vendono con la cura che meritano.

Naturalmente, è fondamentale che possiamo assicurarci che la torrefazione dei fagioli sia giornaliera per prenderli il più freschi possibile a casa. Devono anche essere ben conservati, non si dovrebbe mai comprare caffè esposto all’aria o alla luce, perché anche se non è stato macinato, anche gli agenti esterni ne influenzano la qualità.

4. La macinatura

Per regolare molto più la perfezione è necessario prestare attenzione al grado di macinatura . Con la macinatura dei chicchi di caffè quello che stiamo cercando è di facilitare l’estrazione per infusione, quindi dovrebbe essere diverso in base al metodo di preparazione. I grandi baristi professionisti ne conoscono l’importanza e la dominano perfettamente, poiché una variazione della regolazione delle caffettiere può cambiare drasticamente la qualità delle tazze.

Non dobbiamo complicarci troppo a casa. È sufficiente sapere che più a lungo il caffè è a contatto con l’acqua, più spesso sarà il chicco . Ad esempio, per le procedure di filtraggio che richiedono più di 5 minuti, cercheremo una macinatura grossolana, mentre le macchine per caffè espresso o caffè italiano richiedono una grana più fine. Può anche essere suonato per soddisfare i gusti personali.

5. Presta attenzione all’acqua

L’altro ingrediente fondamentale per preparare un caffè è l’acqua, e non dovremmo prenderlo alla leggera. È la base dell’infusione e dovrebbe essere della migliore qualità possibile, poiché l’acqua cattiva può rovinare qualsiasi preparazione . E non devi mai usare l’acqua calda per accelerare il processo, deve essere riscaldato gradualmente in modo da non influenzare il processo di infusione naturale.

Scegli acqua minerale il più possibile, o almeno che non sia acqua dura. Non deve avere strani odori, deve essere completamente trasparente e migliore della mineralizzazione debole. Se è un’acqua che bevendo suggerisce una nota di sapore, è meglio buttarla via. La temperatura dovrebbe essere sempre costante e nei processi manuali, si consiglia di scaricare l’acqua appena prima di bollire.

6. Regola il rapporto caffè-acqua

 Cafe

Sì, ci sono molte tazze diverse con disegni dei più svariati, ma a finale il classico è imposto in una questione di qualità. Stiamo parlando di tazze per espresso, ristretto o caffè da soli, poiché altre bevande possono adattarsi meglio ad altri tipi di contenitori e giocare con esso. Il colore dovrebbe essere neutro meglio bianco, perché in questo modo non influenzerà la percezione psicologica del gusto, sebbene vada nei gusti.

Tradizionalmente è usato in porcellana perché è un materiale nobile, resistente e perché Conservare meglio il calore . Il vetro o il vetro ti permettono di vedere l’interno, apprezzare i colori e la consistenza del caffè, la sua uniformità e la sua crema, ma perde rapidamente la temperatura. Una buona alternativa sono le tazze a doppio fondo, ma in ogni caso è necessario assicurarsi che non siano fredde prima di riempirle di caffè. La forma conica è adatta per l’infusione a cadere delicatamente sulla tazza, senza spruzzi.

8. Servi il caffè al momento

Se vuoi rovinare un buon caffè, fallo raffreddare e accendilo riscaldare nel microonde fino a quando non fuma. Ovviamente, non è consigliabile che tu lo faccia, a meno che non cerchi solo una dose di caffeina e non ti dispiaccia davvero goderti una buona tazza. Ancora, la massima freschezza è importante anche al momento di assaggiare la bevanda. Senza bruciare, naturalmente, ma il caffè è sempre fresco.

Nel momento in cui si raffredda non saremo più in grado di apprezzare il caffè al suo apice di aroma, corpo e sapore e perderemo anche la crema . C’è un’eccezione a questa regola, ovviamente, solo quando andiamo a preparare caffè freddi o ghiacciati. Importante quanto la temperatura di infusione è la temperatura di servizio, come accade con il cibo.

9. Non dimenticare la manutenzione e la pulizia

Molte volte la chiave di un cattivo caffè di La barra si trova in una scarsa pulizia della macchina o in una manutenzione incauta. A casa, non importa quale piatto abbiamo, non dovremmo mai dimenticare certe cure di base . Niente per lasciare i fondi di caffè nella caffettiera italiana fino al giorno successivo, o lasciare che lo sporco si accumuli nei serbatoi.

Come ogni altro utensile da cucina, la caffettiera deve essere pulita correttamente dopo ogni uso ] e utilizzando i prodotti giusti. Le macchine automatiche richiedono anche decalcificazioni periodiche e altre cure specifiche indicate dai produttori. Il mito che una sporca macchina da caffè “veterana” possa dare un caffè migliore è totalmente falso. Se non lo puliamo, c’è il rischio di alterare il gusto del caffè e di intasare i suoi componenti.

10. Fai attenzione a ciò che aggiungi alla tua tazza

Un barista consiglierà quasi sempre coffee solo perché è l’unico modo per apprezzare tutte le sue perfette qualità. Senza entrare nel mondo di cappuccini, lattes e altri, l’aggiunta di latte, panna, liquore, zucchero, miele o qualsiasi dolcificante influenzerà il sapore originale di un buon caffè. Sfortunatamente, oggi ti sembrano ancora strani se bevi il caffè “a palo seco”, anche se riconosco che molti dei caffè che ti servono sono sgradevoli senza aiuto.

In ogni caso, devi essere consapevole che tutto che aggiungiamo a posteriori sta per modificare il gusto del caffè che hanno preparato per noi. I dolcificanti artificiali sono terribili in generale, perché lasciano un retrogusto metallico che rovina il caffè, e se il latte è diventato troppo caldo può rendere il caffè amaro – quando gli zuccheri bruciano. A casa possiamo preparare il caffè come più ci piace, sarebbe di più, ma vale la pena provare ad abituare il palato ad apprezzare un solo caffè specialmente se servito da un buon professionista.

11. Mantieni il caffè correttamente

Ti sei preso la briga di cercare un buon fornitore di caffè di qualità, naturale e tostato ogni giorno, vale la pena di prestare l’attenzione alla sua conservazione a casa. Abbiamo insistito sul fatto che i cereali stanno perdendo l’aroma con il passare dei giorni, quindi cercheremo di rallentare il processo. Prima di tutto: non comprare troppo caffè . I pacchetti da 250 g sono l’ideale se non siamo in molti a casa, potresti addirittura comprare meno se prepari il caffè di rado. Niente da portare via con offerte o accumulare grandi quantità; dobbiamo fare frequenti viaggi per comprare se vogliamo la massima qualità.

Quando è il momento di preservarlo, dovresti sempre cercare contenitori puliti, opachi, ermetici senza aromi sconosciuti. Il caldo è molto dannoso, ecco perché alcune persone lo tengono in frigo, anche se, tranne che nelle estati calde, non è veramente necessario – e può essere controproducente a causa dell’umidità e degli odori. Scegli vasetti di un buon materiale, con il coperchio ermetico intatto, che non sono molto grandi, e conservali in un armadio o nella dispensa lontano dalla luce del sole.

Un ultimo consiglio: non cadere in un’eccessiva ossessione, l’importante è divertirsi . Conoscendo un po ‘la natura dei cereali e il loro impatto sui processi coinvolti, non è così difficile preparare un buon caffè a casa. E tu, come bevi un caffè? Hai un trucco o un’abitudine speciale quando si tratta di servire il caffè?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *